La foto di moda al femminile in mostra nello spazio industriale rigenerato

Selezionati da tutto il mondo gli emergenti. E tutte insieme le grandi fotografe fashion mondiali. Al BASE Milano.

La moda al femminile e la fotografia sono due mondi che si nutrono l’uno della bellezza dell’altro. The Female Gaze, mostra co-curata da Alessia Glaviano e Chiara Bardelli Nonino è la mostra celebrativa della visione della donna nelle  fotografe di moda allestita allo spazio industriale riconvertito BASE, nel quartiere trendy di Milano zona Tortona.

giuseppe-sirni

Abbiamo visto artisti e scatti in un allestimento ben curato e perfettamente inserito nel luogo che lo ospita. Ma soprattutto abbiamo potuto cogliere l’essenza rivoluzionaria che questi artisti hanno messo nei loro scatti che rappresentano il corpo e la sessualità femminile nella fotografia di moda. Donne che ritraggono donne: ci sono fotografie di Cindy Sherman, Juno Calypso, Arvida Bystrom, Camilla Akrans, Amanda Charchian, Ellen Von Unwerth, Donna Trope, Zanele Muholi, Lalla Assia Essaydi e Namsa Leuba.

Accanto a loro, un’esposizione dedicata ai fotografi selezionati su Instagram dal progetto Change The Way You See The World voluto da Vogue Italia e dallo sponsor Huawei. Tra le 50 selezionate finite nel catalogo la presenza di una foto scattata a Burano dal collaboratore di The Way Magazine Giuseppe Sirni.

Questa parte è la collettiva chiamata PHOTOVOGUE/inFASHION con fotografi selezionati tra i 125.000 utenti nel mondo del sito di Vogue, scelti da Franca Sozzani, Alessia Glaviano, Paolo Roversi, Jimmy Moffat. Tra gli emergenti abbiamo scoperto un personaggio incredibile, Luois Philippe De Gagoue dalla Costa d’Avorio, che ha iniziato a fotografare solo di recente le realtà contraddittorie dei paesi africani. Con uno spiccato senso fashion, l’artista è rappresentato da 5 scatti ammiratissimi nella mostra. Farà strada.

 

La foto di moda al femminile in mostra nello spazio industriale rigeneratoultima modifica: 2016-12-09T10:22:23+00:00da palore75
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento